I giocatori del Messina in protesta davanti i Cantieri di Stracuzzi

sciopero giocatori messinaI giocatori del Messina scendono in campo, ma in un modo diverso rispetto al solito. Dopo gli annunci dei giorni scorsi da parte di  Cristiano Lucarelli, tecnico e calciatori adesso passano ai fatti per chiedere all’attuale proprietà la cessione della società. Da settimane giocatori e staff tecnico hanno denunciato il loro malcontento per le precarie condizioni dei terreni di gioco dove svolgere gli allenamenti, ma soprattutto l’assenza di una società con cui interfacciarsi.

L’intera truppa giallorossa è andata a manifestare al di fuori dei cancelli dei cantieri dell’ex presidente Natale Stracuzzi, che di fatto continua a mantenere la maggioranza delle quote.

Ieri nello studio dell’amministratore delegato, Pietro Gugliotta,   è stato sottoscritto l’accordo preliminare per la cessione della società a Franco Proto. Oggi alle 13 scadeva l’altro accordo preliminare, quello con gli imprenditori calabresi Pasquale Gerace e Giuseppe Marcianò insieme all’avvocato Angelo Massone, mentre lo stesso imprenditore ennese questa mattina ha incontrato l’assessore allo sport, Sebastiano Pino a cui ha illustrato i suoi programmi futuri.

Il presente però appare ancora piuttosto grigio, l’ex presidente Natale Stracuzzi aveva rassicurato tutti, dicendo che Gerace e Massone avrebbero provveduto al pagamento degli stipendi entro la giornata di oggi, ma del bonifico non vi è traccia così l’accordo con gli imprenditori è da considerare superato. Sempre nella giornata di oggi era prevista la definitiva fumata bianca con Proto, fino allo stop delle ultime ore.

Secondo alcune indiscrezioni, pare che Stracuzzi non abbia acconsentito alla cessione della società, imponendo la sua figura (e quella dell’attuale presidente Piero Oliveri) all’interno del futuro Cda.

Adesso anche i tesserati prendono una posizione chiara e se nelle prossime ore non dovesse arrivare la svolta, non sono escluse altre manifestazioni di dissenso da parte dei giocatori stessi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *