Alunni del Seguenza trasferiti all’ex I.A.I. C’è l’intesa

seguenza liceoSi è svolta sabato scorso, a Palazzo dei Leoni, la riunione tra il sindaco metropolitano Renato Accorinti, il dirigente scolastico,  Lilia Leonardi, i tecnici dell’ex Provincia e le varie componenti del liceo Seguenza per determinare una soluzione soddisfacente finalizzata al reperimento delle 18 aule didattiche e dei 2 laboratori, necessari ad assicurare agli studenti la normale attività scolastica.

Nel corso dell’incontro Accorinti ha affermato che, allo stato attuale, sono immediatamente disponibili varie aule allocate in diverse scuole del territorio comunale quali il Majorana, il Bisazza ed il Basile.
Tuttavia, considerata l’enorme difficoltà che tale dislocazione arrecherebbe all’organizzazione scolastica del Seguenza ed a quella delle famiglie, che si vedrebbero costrette a spostamenti quotidiani imprevisti e non programmati, il Sindaco metropolitano ha proposto un’ulteriore alternativa, più razionale rispetto alla precedente, che consiste nella destinazione di parte dell’immobile ex I.A.I. (Istituto di Assistenza all’Infanzia) ad attività scolastica. Si tratta, infatti, di una struttura che già possiede la necessaria connotazione e che, pertanto, ben si presterebbe ad accogliere, dopo opportuni interventi di ristrutturazione, le aule ed i laboratori richiesti.
L’attuazione di questa scelta può essere concretizzata già nel corso dei prossimi mesi affinchè, già a partire dal prossimo mese di settembre, si possa avere a disposizione un adeguato numero di aule. Qualora i locali non fossero del tutto sufficienti al fabbisogno del Seguenza, verrebbero temporaneamente integrati da alcune aule del liceo Maurolico, fino all’ultimazione dei lavori di adeguamento dell’ex I.A.I..

Nelle more di questa operazione ed allo scopo di garantire la continuità didattica, Accorinti ha espresso il proprio impegno nel reperimento di finanziamenti che possano assicurare il pagamento dell’affitto residuo dei locali di Cristo Re per i primi cinque mesi del 2017.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *